Benvenuto su Genoadomani
1626761
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 6 visitatori e 5 utenti registrati
Totale utenti registrati: 749
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
il Grifone in campoSupremazia cittadina addio
12/03/2017

GENOA CFC             0   

SAMPADORIA FC      1  (st. 26' Muriel)

La doppia sconfitta nel derby, arrivata dopo 57 anni, sancisce e purtroppo mette il bollino su di una verità che fa male, ma che non si può far finta di non riconoscere, vale a dire che, dopo anni di nostra inequivocabile superiorità nei loro confronti, per gioco mostrato, risultati e classifica, adesso le gerarchie cittadine si sono capovolte. Inutile arrampicarsi sugli specchi di una partita nella quale le due squadre si sono praticamente equivalse, dove non si è certo notata più di tanto la quasi abissale differenza di punti in classifica, come la beffa di un risultato frutto più dei nostri errori sia in fase realizzativa (Pinilla) sia difensiva (Ntcham), del resto Muriel possiede giocate da vero campione ed è stato lui il vero match winner delle due sfide cittadine. Caro Preziosi gli errori si pagano, ora sul banco degli imputati rimane soprattutto la tua presunzione insieme, se vogliamo, all'ingenuità di quegli stolti che, per una malintesa voglia di protagonismo hanno assecondato ed appoggiato le tue scelte sciagurate con quegli ignobili striscioni. 

 


L'andamento della gara non mi pare giustifichi eccessive critiche a Mandorlini al quale, con il senno di poi, si può imputare, in effetti, la scelta di Ntcham dall'inizio e le ritardate sostituzioni, a mio avviso anche non proprio felici, quando nel secondo tempo ci si è tutti reso conto che loro stavano crescendo.

Probabilmente le esclusioni di Cataldi e, forse, anche quella di Rigoni, sono state dovute più a problemi caratteriali che non tecnici e lui, come fatto dal Gasp a Bergamo, ha preferito affidarsi a giovani determinati piuttosto che a giocatori per diversi motivi più problematici, purtroppo i risultati non sono stati gli stessi, probabilmente per la diversa caratura dei giocatori interessati.

Difficile poi, in effetti, lasciare fuori Ntcham, l'eroe delle due precedenti giornate, ma il francesino, purtroppo, pur facendo dignitosamente la sua parte nel corso della gara, ha finito per cadere nell'ennesima ingenuità che ci è nuovamente costata cara (anche Juric ne sa qualcosa). 

Bando alle recriminiazioni ed un po' di cronaca.

Il derby è subito teso, vibrante, sostanzialmente equilibrato e le occasioni da gol sono, però, poche.

Il primo a mettersi in luce è, manco a dirlo, Muriel, il colombiano ci prova al 9’, ma il suo tiro di destro è impreciso.

Il Genoa risponde con alcune belle aperture di Burdisso sulla fascia destra, probabilmente studiate a tavolino, che propiziano alcune belle folate offensive di Lazovic, ma poi i cross, purtroppo, sono stati sempre preda dei difensori.

Al minuto 18 Ntcham lancia Simeone, il tiro è ribattuto da Viviano che fa scudo con prontezza e sventa la minaccia.

Il pericolo più grande per la Samp arriva un minuto dopo: Simeone si libera a sinistra e piazza il cross per Pinilla, controllo e tiro del cileno tutt'altro che irrisistibile che consente la ribattuta di corpo a Viviano.

Primo tempo dunque abbastanza a favore nostro, la Sampdoria prende l’iniziativa nella ripresa, accelerando la manovra e cominciando a procurare qualche affanno alla difesa del Genoa.

Muriel al 6’ ritorna protagonista e con il suo sinistro sfiora la traversa, ma non perdona al minuto 26, passaggio orizzontale avventato di Ntcham per Munoz, l’attaccante colombiano intuisce tutto, anticipa il difensore e fulmina Lamanna.

Mandorlini prova a cambiare inserendo Palladino, Taarabt e Morosini, ma questa volta non esce il Jolly e loro, chi si accontenta gode, festeggiano rumorosamente per tutta la città come nelle grandi occasioni, evidentemente, facciamo ancora un po' paura, peccato solo a loro.

Brutta serata, davvero, nella quale per non pochi, oltre a rinunciare alla tradizionale pizza, soprattutto comincia a vacillare la fede ed in particolare la fiducia in una Presidenza che ha dato molto, ma che non pare più attrezzata per riportare il Genoa agli entusiasmi ed alle aspettative degli anni scorsi.

Nel momento dell'amarezza si vede tutto più nero, ricordiamoci anche che dopo la notte arriva il giorno e, dunque, sempre, comunque e dovunque  Alè Genua!

Il tabellino

Lamanna, Munoz, Izzo, Burdisso, Lazovic (32' st Palladino) Hiljemark, Cofie (37' st Taarabt), Ntcham (47' st Morosini), Laxalt, Pinilla, Simeone All. Mandorlini ( Rubinho, Zima, Biraschi, Gentiletti, Edenilson, Cataldi, Rigoni, Beghetto, Pandev)
Viviano, Sala, Skriniar, Silvestre, Regini, Linetty, Torreira, Barreto, Fernandes (30' st Praet), Muriel, Quagliarella (21' st Schick) All. Giampaolo (Puggioni, Falcone, Pavlovic, Dodò, Bereszynski, Palombo, Cigarini, Alvarez, Djuricic, Budimir)
Arbitro: Orsato di Schio - Corner: 5-2 - Recupero: 1' e 4' - Spett: 33.000

Giancarlo Rabacchi

PS. Per la foto si ringrazia il Secolo XIX

 



Questo articolo è stato visualizzato 88 volte

 
"Supremazia cittadina addio" | 2 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 12/03/2017


N'tcham
di Franci il 12/03/2017 21.48

inutile girarci intorno: l'errore di N'tcham è di quelli che non si possono accettare.
Purtroppo, paga i maledetti dettami del gioco moderno, di questo "bastardo" tiki-taka e della smania per cui, ormai, l'azione deve iniziare assolutamente dai difensori, anche se pressati, col giro palla che fa solo girare le palle.
L'errore di N'tcham non lo posso perdonare ma mi spiace sia toccato a lui perchè del Genoa è stato, a mio parere, senz'altro tra i migliori. Senza l'errore, dovessi dargli un voto, sarebbe 6,5. Invece si è beccato la mia maledizione in eterno.
Ma io maledico, e chiamo ad esecutori della maledizione gli dei del calcio, gli strafottuti che pensano di insegnare calcio mentre lo stanno distruggendo.
C'è solo da sperare esca fuori, da qualche parte del mondo, qualcuno che trovi rimedio a questo infame modo di giocare e trovi le contromisure adatte.



Rabax
di nembokid55 il 12/03/2017 17.38

condivido anche le virgole, purtroppo...





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it