Benvenuto su Genoadomani
1617632
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 17 visitatori e 2 utenti registrati
Totale utenti registrati: 747
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
a proposito di...Pensieri in libertà
13/09/2006

Tutti i vostri post sono ora riuniti in un unico contenitore e sono raggruppati per data, tramite gli appositi tasti sarà facile navigare fra i post.

Novità anche per l'inserimento che ora permette una semplice formattazione e la cancellazione dei propri post.

Se avete altri suggerimenti potete scriverci come al solito all'indirizzo admin@genoadomani.it

la redazione



Questo articolo è stato visualizzato 1024781 volte

 
"Pensieri in libertà" | 86998 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 25/03/2017


Una Storia difficile
di vieux_marcheur il 25/03/2017 22.51

Siete troppo simpatici, vi voglio bene.



Franci
di Maxpra il 25/03/2017 20.35

Chissà come si sentono questi "genovesissimi" discendenti dei fondatori dell'Andrea Doria, di cui parli nel tuo post, quando al Ferraris durante i derby, i loro figli o i loro nipotini fischiano "Ma se ghe penso" e "Creusa de Ma" ? 😊😊😊 P.S: scusa per la grafia ma con lo Smart il titolo della canzone di De Andrè non riesco a scriverlo correttamente.



[Nessun Soggetto]
di nembokid55 il 25/03/2017 19.53

Per forza, ormai ha quasi esaurito gli argomenti.
Manca poco e poi anche lei canterà "noi non siamo avellinesi"... ;-)))))))))))))))))))



[Nessun Soggetto]
di Franci il 25/03/2017 19.29

però in questa la vedo un po' in difficoltà. Altro che "agilmente"...:-)))



;-)))
di nembokid55 il 25/03/2017 16.07

sempre Monica ripresa da un'altra angolatura...




Franci - 15.12
di nembokid55 il 25/03/2017 16.04

fanculo fanculo fanculo fanculo fanculo fanculo fanculo fanculo fanculo fanculo fanculo

;-))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))



Maxpra
di Franci il 25/03/2017 15.49

come fa uno nato a Genova a tenere per quelli là?
Confesso che più di una volta me lo sono chiesto anch'io. Siccome non volevo essere tranciante, mi rispondevo - sapendo di mentirmi - che forse noi genoani siamo un po' troppo esclusivisti e poco tolleranti in questo senso e quindi non volevo prendere in considerazione ragioni valide per dare una risposta.
Posso dire che capisco - meglio, provo un senso di penosa comprensione assolutoria - nei riguardi dei quarantenni o poco più che tifano per quelli là perchè in ossequio al detto che "genoani si nasce, xxxx si diventa", loro hanno effettivamente avuto motivi per diventare quel che sono.
Ma al tempo stesso non ho alcuna pietà per le persone anziane che si dicono loro tifosi. Questi li detesto! e mi tengo leggero.
Mi è capitato in qualche circostanza di affrontare il tema "perchè sei di queli là" con persone che percepivo essere tifose "all'acqua di rose" e invariabilmente la risposta era "sai, mio nonno era socio dell'Andrea Doria..." o, addirittura, "mio nonno - accidenti a questi nonni! :-) - è stato tra i fondatori dell'Andrea Doria".
Finchè un giorno, all'ennesima affermazione del nonno che era ecc., sono sbottato di brutto gridando se volevano prendere per il cu@o facendo credere che nella Genova culla del calcio italiano, in cui prosperava in titoli ed onori un club che si chiamava Genoa Cricket and Football club, rispettato ed onorato in tutta Italia e non solo, la maggior parte dei genovesi tifasse in realtà per una società nata come praticante della ginnastica e solo in un secondo tempo, e grazie al sostegno proprio del Genoa nella persona di James Spensley, dedicatasi alla pratica del calcio. "Ho capito. Tutti doriani, erano..." E me ne andai sbattendo la porta dell'ufficio lasciandola attonita. Cinque minuti dopo tornai indietro e mi scusai ma ribadii che ero stufo di sentir parlare di nonni in un reaprto di neonatologia!
Concludo con una fatterello capitato guarda caso proprio stamane al supermercato. L'addetto al banco salumi e formaggi, genoano, spesso parla di calcio con i clienti di entrambe le squadre. Stamattina era alle prese giusto con una persona anziana che deve aver avuto un'infanzia infelice e quindi tifa per quelli là. Dopo alcune schermaglie scherzose, facendo riferimento al loro scudetto, il tizio ha affermato tutto gongolante che almeno lui lo aveva visto.
E lì non ce l'ho più fatta a tenermi. Mi sono limitato ad osservare che io non ho conosciuto mio nonno (non è vero, ho avuto il piacere di vivere con lui sino ai ventanni ma come esempio veniva bene) ma non per questo non gli sono affezionato e non parlo di lui nè dei ricordi che mia madre mi ha trasmesso. E mentre l'addetto ad affettare salumi e formaggi assentiva calorosamente, il tizio non ha replicato. Non per evitare discussioni, credo, ma molto più probabilmente perchè si è reso conto che il passaggio immediatamente successivo sarebbe stato il suggerimento circa il miglior uso da fare dello scudetto da lui visto. E viverlo così "profondamente", sia pure a distanza di un bel po' di tempo...:-)



eheheheh ...
di utri_red_&_blue il 25/03/2017 15.33

volevo certezza ... ma lo sapevo già ... internet ... tastiere ... cazzate ... PARLIAMOCI !!!



nembo h.13,54
di Franci il 25/03/2017 15.12

vuoi vedere che è anche per quello che lo ho in così grande stima? :-))))



CHICCO
di harrypotter il 25/03/2017 14.54

e ci credo che erano "leggermente divergenti", lo hanno fatto a pezzi per anni anche quando le cose andavano bene, potrebbero scrivere un libro sui nomignoli coniati su di lui : )

Monica



UTRI
di harrypotter il 25/03/2017 14.52

succede spessissimo : (

per quanto mi riguarda più di una volta avrei voluto smettere, ma poi realizzo che ci sono cose più importanti che mandare a quel paese Chicco e Pier : ))))

quando si creano le "fazioni" è difficile si rischia sempre di scrivere cose che dette a voce avrebbero altra valenza, a volte vorresti rispondere ma poi guardi il nick e capisci che finirebbe malissimo, "vai di rotella" ti dicono ma che senso ha? quindi diventa un "lavoro" di equilibrismo e molti non ne hanno davvero voglia

hai fatto caso in quanti hanno smesso di scrivere sul Muro? a me dispiace

comunque se vuoi leggere Nemesis (anche a me piace da matti anche se il mio pensiero sul Presidente è diverso dal suo ma siamo comunque Genoani) vai sul Muretto ogni tanto delizia con i suoi scritti davvero notevoli

Monica



Franci & Nembo ...
di utri_red_&_blue il 25/03/2017 14.12

ciao Ragassi, incuriosito dai Vs posts ;-P vi chiedo ... ma è possibile che alcuni possano abbandonare la scrittura su siti e/o quant'altro per, diciamo così, opinioni opposte quando gli stessi (vedasi Nemesis che non ho mai, purtroppo letto eh) siano tenuti in massima considerazione? mi sono fatto capire? Grazie assai eh ...



Franci
di nembokid55 il 25/03/2017 13.54

Qualche anno fa, all'epoca del primo Gasperini, incontrai Nemesis in via Garibaldi e, naturalmente, chiacchierammo di Genoa.
Scommetto che ti sembrerà strano (ihihihihihi risatina alla Robinhood :-) ) ma le nostre opinioni sul Gasp erano profondamente divergenti ;-)))



[Nessun Soggetto]
di Franci il 25/03/2017 13.43

Nemesis è il più grande writer che mi sia capitato di leggere.
Scriveva anche su Genoadomani e non mi è ben chiaro perchè anche se mi pareva aver capito per contrasti con qualche altro partecipante - e questo è uno dei maggiori punti dolenti che ci hanno portato e purtroppo ci lasceranno le diatribe Preziosi si/Preziosi no e Gasperini si/Gasperini no) - abbia deciso di lasciare.
Ho sofferto più per questa "partenza" che per quella di Palacio! O Figueroa... :-)))



Nembo
di Maxpra il 25/03/2017 13.23

Leggero' sicuramente il racconto di cui mi hai inviato il link. Comunque, nella raccolta "Sotto il Segno del Grifone ", oltre ad un racconto di Nemesis, ce n'era anche uno di Achab, "L'ultima Bandiera ", molto bello e con un incipit davvero particolare che qui riporto: "Questa storia è pensata in Genovese e scritta in Italiano. Chi vuole e chi sa, può leggerla facendo il percorso inverso "



Maxpra
di nembokid55 il 25/03/2017 13.01

Ahimé, il libro ce l'ho ma siccome la mia casa è invasa dai libri (e non solo) non so più dove sia :-( altrimenti andrei a rileggermi il tuo racconto :-)
Sempre edito dalla Fratelli Frilli c'è un libro scritto da Nemesis in coppia con Achab, un'altra grande penna rossoblù internettiana, eccolo al link:

http://www.frillieditori.com/index.php?option=com_content&view=article&id=540:mcastaldi-mferrari-q-a-riveder-la-stella-q&catid=37:sport&Itemid=62



Nembo 11.24
di Maxpra il 25/03/2017 12.11

Ciao, Una dozzina di anni fa ho avuto il piacere di partecipare ad un progetto editoriale della Fratelli Frilli Editori, inviando un racconto che fu pubblicato in una loro raccolta, intitolata "Sotto il Segno del Grifone" Tra i vari contributi di quella raccolta c'era una storia molto bella, "Ultime grida dalla savana", scritta da Nemesis, genoano di Piazza Alimonda. Immagino che si tratti della stessa persona, indicata nel tuo post precedente. Ricordo che il suo stile, con un finale decisamente ironico, mi era piaciuto molto. A presto, Massimo



Maxpra
di nembokid55 il 25/03/2017 11.24

Ciao, il libro di Edgerton è bellissimo, lo acquistai quando uscì e lo lessi in pochissimi giorni, scoprendo, come te, aspetti a me sconosciuti dell'uomo Garbutt che me lo fecero apprezzare ancora di più.
Per quanto riguarda il Figlio di Dio, posso dire che, sia pure in epoche diverse, siamo stati colleghi, visto che lavorava alla Comit ;-)))
Mi permetto di allegare il link di un bellissimo post, scritto qualche anno fa con la consueta maestria da Nemesis, sono certo che lo troverai interessante :-)
Un caro saluto e sempre forza Genoa !!!

http://www.grifoni.org/node/24197



Nembo 10.18
di Maxpra il 25/03/2017 10.55

Ciao, .... la foto degli eroi, a cominciare da De Vecchi. Ma tra queste figure ce n'è sicuramente una che si staglia tra le altre: quella di William Garbutt. Recentemente ho le letto la sua bellissima biografia, curata da Paul Edgerton : " William Garbutt, Il Padre del Calcio Italiano". E così ho scoperto aspetti della sua vita, che non conoscevo, a dir poco toccanti. Come per esempio che durante un soggiorno in Irpinia, Garbutt aveva adottato una bambina di otto anni. E allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, proprio per non abbandonare quella ragazzina, lui e sua moglie decisero di non lasciare l'Italia, pur sapendo che essendo Inglesi (cioè cittadini di un paese in guerra con l'Italia ) si sarebbero sicuramente esposti alla persecuzione e alla repressione fascista, cosa che immancabilmente si verifico'. Insomma, non fu solo un atleta ed uno sportivo ma fu anche un esempio di moralità, al pari del suo compatriota James Spensley. Credo che pochi club di calcio al mondo possano vantare figure di una tale statura morale come loro due. Anche questo ci rende unici. E anche per questo mi domando in modo educato, consono all'argomento trattato, ma come caspita si fa a nascere a Genova e tifare la Samp? Un saluto e Forza Genoa



tiriamoci su il morale...
di nembokid55 il 25/03/2017 10.18





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it