Benvenuto su Genoadomani
8268108
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 50 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
l'opinione"Berlusconi e il Genoa" di Nemesis
09/04/2008

 

Io non volevo... giuro che non volevo, ma ha cominciato lui:-)

 

 


Volevo evitare di dirgliene quattro, ma se il suo populismo senza frontiere lo porta a parlare del Genoa, allora mi sento autorizzato a esprimere un'opinione.

Per me, infilare Borriello nel suo comizio ligure, è stato un insulto all'intelligenza e una sfida alla tolleranza.

Le promesse elettorali sono il pane di tutti i candidati, e ciascuno sventola le sue figurine: stipendi, pensioni, ferrovie, aborto, famiglia, ponte sullo stretto, tasse... ormai ci siamo abituati, ma nessuno era mai arrivato a offrire un centravanti.

Caro Berlusconi, per quanto mi riguarda tieniti pure Borriello e sgancia i 10 milioni, perchè io già non ti avrei votato prima e dopo oggi confido che qualche tuo elettore diventi ex.

Abolirai l'Ici e obbligherai i Comuni a tassarci in un altro modo, lascerai a Bossi i suoi fucili e a Dell'Utri la revisione sulla Resistenza, istituirai la patente di sanità mentale per i magistrati ed eliminerai la par-condicio, accorcerai la prescrizione e cancellerai tutti i reati ancora pendenti, ma Borriello no, quello non puoi esporlo sul banchetto delle promesse, perchè è roba tua privata e non c'entra nulla.

Marco non può entrare nel programma elettorale, e tu non hai il diritto di trattarlo pubblicamente alla stregua di un voto di scambio.

Sembra di rivivere i tempi del comandante Lauro, quello dei pacchi di pasta e della scarpa destra come caparra, in attesa della sinistra a elezioni vinte.

E' roba da quarto mondo, quali ci accingiamo a diventare.

C'è un che di paternalismo in questo minestrone alla genovese, in cui si mette sullo stesso piano la promessa che avremo un ministro ligure (suppongo Scajola, quello del G8 e di Biagi) e la garanzia che il bomber vestirà il rossoblu.

Ma anche se fosse lecito offrire l'argenteria di famiglia in cambio di voti, e quel giorno arrivasse davvero, lo sanno tutti come andrebbe a finire: "... sono stato frainteso, colpa dei giornali comunisti, io non intendevo Borriello ma parlavo di Dida, il più grande portiere del mondo, che porterò io stesso al Genoa in cambio di Rubinho".

Nemesis



Questo articolo è stato visualizzato 633 volte

 
""Berlusconi e il Genoa" di Nemesis" | 3 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 09/04/2008


BERLXXX
di stargate il 09/04/2008 18.46

io pongo sullo stesso piano chi ha dato la risposta ma ANCHE CHI HA FATTO LA STUPIDA DOMANDA.



Berluscxxx
di Zona il 09/04/2008 18.32

La cosa che personalmente meno ho sopportato non è che il Berlusconi abbia parlato di un suo (al 50%) giocatore, ma che abbia usato un tono amichevole e rassicurante, due aggettivi che non fanno per lui.

Intendiamoci, se al giornalista che ha fatto la domanda Berlusconi avesse risposto qualcosa del tipo "mi scusi ma non è questo il contesto per parlare di centravanti", avrebbe dato una risposta in linea con l'atteggiamento che mi aspetto da un qualsiasi statista. E dunque probabilmente la mia considerazione delle credenziali politiche di Berlusconi sarebbe cresciuta.

Un'altra via - meno nobile ma ammissibile - era quella di rispondere come è stato fatto finora, cioè rilasciare una dichiarazione tipo "Siamo contenti dell'exploit del giocatore, ancora è presto per decidere del suo futuro, rientrano in campo numerose variabili, fra cui la volontà del Genoa di trattenerlo e del giocatore di restare". Diplomatica - lascia lo spiraglio - e professionale.

Altra possibilità di Berlusconi era quella di dire "Il Genoa sta manifestando intenzioni molto serie di riscattare la nostra metà di Borriello. Non escludo che si arrivi all'accordo". Comunque ti ingrazi la piazza - è come dire Borriello resta - ma, abdicato il ruolo del politico, non viene meno quello di presidente di club.

Invece Berlusconi, ammessa la buona fede della dichiarazione rilasciata, ha preferito la strada del buon padre di famiglia. "Il Genoa lo vuole ed allora io cercherò di accontentarlo". Roba da matti! Berlusconi non deve accontentare nè il Genoa nè Boriello. Berlusconi deve accontentare i milanisti, e risponderà ai milanisti. Possibilmente senza usare gli strumenti che la settimana prossima avrà a disposizione.

Questa su Boriello mi ricorda - in tono minore - l'uscita che aveva fatto sul carabiniere ferito da una bomba un paio di giorni prima del G8. Andatolo a trovare all'ospedale, il Berlusca aveva sollevato le pene del ragazzo dicendogli "non preoccuparti, appena ti rimetti te ne vai un paio di settimane in vacanza pagate da me!".

Lui non governa, dispone. Lui non tratta, concede. Non riconosce diritti, ma elargisce regalie, spesso briciole di quanto comunque spetta. A queste mie constatazioni non conosco rimedio, ma aspiro ad una rivincita: posto che il paese per un non breve periodo sarà suo, riusciremo almeno, in questo periodo ad andare a San Siro e buttargliene tre sul gargarozzo?

Dai Prez, per un nuovo miracolo genoano!



L'argomento
di RABAX il 09/04/2008 08.19

è di grande attualità, se volete "doppia" attualità, insomma di particolare momento e, dunque, sia pur nel rispetto delle opinioni di ciascuno, la solita inarrivabile prosa di Nemesis meritava la Home page.

Ero stato facile profeta quando, non molto tempo fa, avevo immaginato un "accostamento" di Borriello alle problematiche di campagna elettorale.

Solo che nella mia beata, immensa, ingenuità pensavo che al cavaliere il giocatore interessasse davvero e temevo  che nessuno dei suoi s'azzardasse a fargli quella che ritenevo una domanda scomoda, se volete anche un attimino "ricattatoria".

Ripeto, beata ingenuità, altro che domanda scomoda, ci ha pensato lui stesso a cominciare ed a mettere il giocatore sulla bilancia evidentemente per racimolare qualche voto in più.

Qui mi fermo e non mi sembra il caso, proprio per il rispetto delle idee di ciascuno di suggerire giudizi di sorta.

Da genoano rilevo solo che nei panni del giocatore avrei ancora meno dubbi sul fatto della considerazione che hanno di lui a Milano e di quello che lo potrà aspettare dal punto di vista calcistico, vista la facilità con cui sono pronti a scambiarlo anche solo per qualche voto in più......

 

  





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it