Benvenuto su Genoadomani
9679467
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 57 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 761
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
l'opinione''Belinoni per scelta'' di Frizzi44
28/10/2008

 

Sarò un poeta, sarò un inguaribile ingenuo, o sarò appunto un “belinone”, fatto sta che una delle cose che apprezzo di più di questo Genoa è lo spirito sportivo che ci contraddistingue.

Ibrahimovic (che sarà pure un grandissimo campione con i piedi ma, con la testa, è la classica “merdaccia” di Fantozziana memoria) applica al calcio le sue conoscenze di karate… e il nostro Thiago (che pure tanto mingherlino non è) si limita ad una timida espressione di disappunto (che gli vale comunque l’ammonizione).

 

 

 


E non ci scandalizziamo nemmeno se il giudice sportivo assolve il giocatore più pagato e più “refioso” d’Italia perché, in fondo, non c’è stato nemmeno spargimento di sangue!

L’arbitro espelle Juric per un fallo tanto vistoso quanto innocuo, dopo aver graziato Maicon che aveva letteralmente segato le gambe al povero Mesto…e il ragnetto croato (che pure non ha i lineamenti del boy scout) si affretta a stringergli la mano (come dire: “ebbene sì, ho peccato!”)

In pieno recupero, Stankovic sparacchia in tribuna perché ormai è tanto stanco e obnubilato da vedere la *****…e i nostri (che dovrebbero tenere palla per difendere il pareggio) restituiscono graziosamente la sfera all’Inter perché, nel compiere quel pregevole gesto tecnico, il serbo ha trovato anche il modo di stirarsi!

Ma il nostro fair play non si limita al rettangolo di gioco: il nostro Presidente ribatte quasi stizzito  a chi si permette di notare che abbiamo giocato in 10 contro 11 (mentre sarebbe stato più giusto il contrario),  affrettandosi a ricordare che poteva esserci un rigore per l’Inter (e pensare che solo quello stordito di Biscardi aveva osato dar credito al tuffo carpiato di Obhinna!)

E avete mai sentito il nostro allenatore parlare di sfortuna o attribuire le sconfitte ai torti arbitrali?

Perfino noi tifosi che, come tali, dovremmo essere, per definizione, faziosi o almeno partigiani, ci sentiamo quasi in colpa per qualche rara strizzatina d’occhio della Dea Bendata, mentre sorvoliamo elegantemente su tutti gli abusi, soprusi e nefandezze che regolarmente subiamo, appellandoci alla teoria (tanto cara a Catalano) che, se segnassimo cinque gol a partita e se avessimo quattro alternative per ogni ruolo, gli errori arbitrali e gli infortuni sarebbero ininfluenti!

Per non parlare dei giornali e delle emittenti locali! (ma questa è un’altra storia che ha altre motivazioni)

Intanto, intorno a noi (e anche nella remota periferia della nostra stessa città) è tutto un fiorire di giocatori isterici e truffaldini, di allenatori che si autoassolvono, di presidenti indignati e minacciosi, di tifosi sul piede di guerra e di pseudo-opinionisti a gettone che alimentano polemiche, alibi, recriminazioni e accuse.

Se tutto questo è vero (e sfido qualcuno a dire che non lo è) il Genoa dovrebbe essere candidato al “Premio Notte di Natale”. Invece, ironia della sorte, dopo essere stati esposti al pubblico ludibrio come “vergogna del calcio italiano” (ma questa è acqua passata, “grazie” anche a calciopoli), abbiamo comunque un Presidente che ha collezionato più condanne di Donato Bilancia, non finiamo una partita con meno di 4 o 5 ammoniti e raccogliamo più multe di chi guida contromano in stato di ebrezza.

Eppure, senza essere masochista, tutto questo mi piace da morire!

Forse perché, in un mondo sempre più popolato da “furbi” e da “iene” (non parlo di “lupi” perché farei un torto a questi nobilissimi animali), da politicanti, affaristi e maneggioni “col ventre obeso e le mani sudate”, mi sono sempre fatto un vanto di essere considerato un belinone.

Belinone per scelta!

 

Frizzi44

 



Questo articolo è stato visualizzato 585 volte

 
"''Belinoni per scelta'' di Frizzi44" | 1 commento
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 28/10/2008


Caro Frizzi
di RABAX il 28/10/2008 20.35

mi piace, condivido e Ti faccio i miei più sinceri complimenti.

Il Tuo post mette a nudo una mia indole molto simile.

Premesso che ammiro senza invidia e resto spesso "estasiato" di fronte all'intelligenza superiore altrui.

Ho sempre considerato questa come un dono grandissimo, per quello che mi riguarda il massimo, che quei fortunati hanno ricevuto (voglio dire più, ad esempio, della bellezza che sfiorisce abbastanza presto).

Lo accomuno poi alla generosità ed all'altruismo, alla lealtà insieme alla sincerità, tutte qualità che fanno dire ..”che bella persona”.

Detesto, invece, i troppo furbi e gli opportunisti.

Perché presuppongono egoismo e fors'anche un po’ di "cattiveria".

Si, magari, forse meglio furbi che scemi, ma lasciatemi affermare che anche io adoro i "belinoni" ed un po' li invidio perché, probabilmente, senza troppi problemi e complicazioni sono loro quelli che riescono a godersi meglio e di più la vita.

Vita nella quale le cose più belle, genuine, autentiche non si possono comprare, ma te le devi saper meritare e, quasi mai, questo è tanto facile e scontato.

Filosofia spicciola, probabilmente anche banale, ma questi sono i sentimenti e le emozioni che ha provocato in me la lettura del "belinone per scelta " del bravissimo Frizzi.

Ancora complimenti e grazie!





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it