Benvenuto su Genoadomani
8048022
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 45 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
Calcio di RigoreSottolineature...
20/03/2010

 

da un articolo di Gessi Adamoli su Repubblica. 

"C´è un tifoso genoano che ieri a Firenze ha già vinto.

 

 


Si chiama Fulvio Lavezzo e ha battuto Macalli nella causa per diffamazione promossa dal presidente della Lega di serie C.

Tutto nasce il 3 giugno 2006, Lavezzo legge sul nostro giornale l´accorato sfogo del presidente del Teramo al quale per una vicenda di fideiussioni sono stati tolti i playoff, assegnandogli alla Salernitana che diventa così l´avversaria del Genoa.

 Lavezzo ritaglia il giornale e lo spedisce a Macalli con poche righe di accompagnamento: vergogna, si dimetta.

Macalli querela e chiede 20 mila euro per sé e 20 mila per la Lega di serie C. Lavezzo viene assolto, ma Macalli fa appello.

E ieri anche il giudice monocratico del tribunale di Firenze, dove la Lega di C ha la sua sede, riconosce il diritto di critica di Lavezzo, assistito dall´avvocato Morabito dello studio Mascia.

Non solo: Macalli è anche condannato al pagamento delle spese processuali."

Sia consentita al Grifo, per una volta,una caduta di stile, questo macalli, oltre che un po' troppo legato al "cadreghino (meritato?) è anche proprio "stronzo dentro"!

Direi che gli sta davvero bene, anche e soprattutto il doversi ora pagare tutte le spese processuali.

Alla faccia delle sue pretestuose richieste "risarcitorie" (di che poi?) e delle sue liti temerarie!

Davvero il tempo è galantuomo, ma del resto, quale fosse il livello di certi dirigenti federali l'avevamo già capito in allora, e non ci voleva neppure molto.

Che figura!

Infine, ovviamente, complimenti vivissimi Sig. Lavezzo!

il grifo



Questo articolo è stato visualizzato 561 volte

 
Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.

Stai visualizzando i commenti del giorno //




Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it