Benvenuto su Genoadomani
8271798
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 42 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
il Grifone in campoBari straripante Genoa battuto 3-0
02/05/2010

 

Bari        3   (12'st Meggiorini, 40'st Castillo, 44'st Barreto)

 

Genoa    0

 

NOTE: pomeriggio di sole, terreno in buone condizioni, spettatori 20.000. Ammoniti: Meggiorini, Juric, El Shaarawy. Espulso al 14'st Gasperini per proteste. Angoli: 4-4. Recupero: 0', 0'.

 

Una prova abbastanza indecorosa dei rossoblù, oramai in vacanza, ma al termine della stagione mancano ancora due giornate: le vogliamo onorare?

 

 

 


Dopo quattro sconfitte di fila, il Bari ritrova il sorriso al San Nicola battendo per 3-0 un Genoa sconfortante, oramai in disarmo, prestazione che si giustifica solo in parte con le tante assenze.

 

Le reti, tutte nella ripresa, portano la firma di Meggiorini, Castillo (con quest’ultimo subentrato al primo tra i fischi dei suoi tifosi) e Barreto. 

Ventura non dispone dell’acciaccato Allegretti (e di Rivas, Donda, Ranocchia e Langella, tanto per fare qualche nome), rilancia Meggiorini al fianco di Barreto in avanti e fa rientrare in difesa Andrea Masiello.

 

Gasperini, come detto, ha invece Bocchetti e Palacio squalificati e una lunga lista d’infortunati (Jankovic, Suazo, Dainelli, Kharja, Rossi e Moretti): Sculli, Acquafresca e Palladino vanno a formare il solito tridente, sulla fascia Mesto è preferito a Fatic. 

Non è un grande avvio di gara per i fratelli Masiello: al 4' Salvatore si fa rubare il tempo da Sculli e Gillet deve adoperarsi in uscita; al 15' Andrea si esibisce in un passaggio arretrato al suo portiere che per poco non favorisce Palladino.

 

Prima, all’8', una botta alta di Koman sugli sviluppi di un corner e, soprattutto, l’occasionissima sprecata da Almiron: servito da Barreto, l’ex juventino è bravo a far sedere Scarpi, ma, fortunatamente, calcia sopra la traversa.

 

Il centrocampista argentino si porta appresso il peso dell’errore e prova a farsi perdonare al 23', con un destro da trenta metri che esce di poco, pronta risposta ad un’inzuccata di Acquafresca su cross di Sculli. 

 

Bari vicino al vantaggio anche al 31', quando Meggiorini fa venire i capelli bianchi a Scarpi con un destro al volo davvero interessante. 

Il tempo si chiude a ritmo ridotto, la ripresa si riapre senza cambi e con Koman e Meggiorini ancora sugli scudi: ed è dai loro piedi che, al 12', arriva il gol dei pugliesi.

 

Il primo, con una gran giocata, mette in moto il secondo, che sul filo dell’off-side, fa esplodere il sinistro che gli vale il quinto centro in campionato.

 

Mister Gasperini si arrabbia lamentando un fallo del numero 69 biancorosso ed il signor Tommasi lo invita a raggiungere la tribuna anzitempo, una replica delle “imprese” dei suoi colleghi nelle precedenti che il Mister si poteva risparmiare. 

Sotto di una rete e con tanto da giocare, i rossoblù si affidano alla linea verde: dentro i ghanesi Cofie (per Zapater) e Boakye (per Sculli) ed il savonese El Shaarawy (per Palladino), per dare alla manovra quella brillantezza fin qui latitante.

 

Una mossa obbligata per le tante assenze tra i grifoni e che non porta frutti, anche se, per lo meno, l’intensità e l’impegno sono stati ben altri.

 

Visto l’anticipo di sabato tra Parma e Roma, stride il contrasto tra la foga e la rabbia agonistica dei “ducali”, anche per loro oramai “zeru tituli”, e la “svagatezza” dei nostri, davvero una precoce smobilitazione, abbastanza fuori luogo.  

 

Cambi anche tra i padroni di casa: Donati per Almiron (applaudito dalla curva), Parisi per Koman e Castillo per Meggiorini.

 

L’argentino si becca una bordata di fischi, ma non si scompone e si prende la sua rivincita al 40', telecomandando un sinistro rasoterra su assist al bacio di Donati.

 

L’attaccante non festeggia, ma il 'party' biancorosso non è finito perchè, al 44', arriva il 3-0 di Barreto, un sinistro violento su cui Scarpi nulla può.

 

La nostra fascia destra appare una prateria in cui “pascolare” tranquillamente e, in pratica, fare un po’ tutto quello che si vuole.

 

Sull’altro versante le cose vanno appena un po’ meglio, ma solo grazie a Criscito che è sembrato l’unico, od uno dei pochi, dei nostri ad essere in palla e concentrato.

 

Resterebbe ben poco da dire e, francamente, dopo una prova del genere ne manca anche la voglia.

 

Alla prossima sperando che, almeno per la partita del commiato della squadra dal suo pubblico, i nostri giocatori, magari recuperando anche qualche compagno oggi fuori per squalifica e/o infortunio, riprendano quel bel discorso cui ci avevano abituato, troppo spesso dimenticato in questa davvero "storta" stagione.

 

Giancarlo Rabacchi



Questo articolo è stato visualizzato 438 volte

 
"Bari straripante Genoa battuto 3-0" | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno //




Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it