Benvenuto su Genoadomani
8629142
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 60 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
dalla redazioneFuori dal Coro
18/05/2010

 

E sono quattro! Quattro anni consecutivi che il Genoa è guidato dalla stessa accoppiata presidente-allenatore.
Per la Società rossoblù è sicuramente un record. E nello stesso tempo è anche la conferma che le cose stanno andando bene. In caso contrario infatti il presidente avrebbe cambiato l'allenatore (ne ha cambiato 5 nei primi 3 anni della sua gestione!). Oppure i tifosi avrebbero contestato il presidente (come hanno fatto coi suoi predecessori).

 


 


Da parte mia non posso mancare di sottolineare l'importanza della stabilità societaria, premessa indispensabile per ottenere poi dei risultati; come è facile riscontrare guardando le squadre migliori.
In Inghilterra addirittura un allenatore puo' restare per dieci e più anni.
Del resto Mr. Garbutt resto' al Genoa dal 1912 al 1927......
Il mio auspicio pertanto è che Preziosi si ispiri ai grandi presidenti del passato.
*
Tre campionati di serie A nei quali la squadra ha ottenuto consecutivamente la 9^ posizione, la 4^ a pari punti con la Fiorentina e di nuovo la 9^, costituiscono un altro piccolo record di questo Genoa che per continuità, é sicuramente il più bel Genoa del dopoguerra.
Di questi tre campionati, ne considero uno in particolare più significativo degli altri, ed è l'ultimo appena concluso.
Il motivo è di facile comprensione. Il campionato del quarto posto infatti è stato attibuito da molti a merito di Milito e Motta.
Ci sarebbe ragionevolmente da obbiettare che Milito e Motta non sono spuntati per caso tra l'erba del Ferraris, e che forse chi li ha presi e li ha allenati un po' di merito ce l'ha, ma non è di questo che mi interessa parlare.
In modo analogo del primo campionato di A si è detto che il merito del 9^ posto era dei gol di Borriello. Come se Borriello non fosse arrivato perché il presidente e l'allenatore avevano creduto in lui. A diffrenza dei tifosi che lo considervano un brocco, salvo poi dargli il merito di tutto....
Ma nemmeno di questo mi interessa parlare.
Rimane il campionato appena finito, dove il Genoa facendo un campionato tra la 6^ e la 9^ posizione finale, si è confermato nell'élite delle prime 10 squadre italiane per il terzo anno consecutivo e senza la presenza di grandi giocatori, a dimostrazione che i precedenti risultati non dipendevano nè dal caso, nè dalla presenza di grandi
giocatori, ma casomai dalla buona gestione societaria e da un ritrovato spirito di squadra.
*
Questa volta dunque non si puo' dare il merito di questa continuità che al Genoa mancava da 65 anni a qualcuno in particolare. Sono invece Società e giocatori tutti che meritano un riconoscimento per un risultato storico. E cioè essere rimasti per tre anni consecutivi tra le prime10 squadre d'Italia.
Non è una cosa da poco, anche se la cosa più importante sarebbe riuscire a rimanerci anche in futuro.
Basta controllare, sfogliando gli annuali del calcio, quante siano le squadre che dal 1945 a oggi sono sempre rimaste nelle prime dieci per rendersi conto dell'importanza di questi piazzamenti.
Ben poche squadre ci sono riuscite. Anzi pochissime, persino il Milan non c'è riuscito.
A questi ragaazzi che hanno dimostrato di aver assimilato lo spirito del Genoa e al loro allenatore che da quattro anni li guida con mano sicura, tenendo il vascello rossoblù lontano dalle tempeste che per anni e anni lo hanno sbattuto sugli scogli della B e della C, va il mio riconoscimento più sincero, con l'augurio di avere ancora molti anni come questi.
Al presidente esprimo invece l'augurio che possa continuare cosi', andando per la sua strada come ha fatto finora, senza dare asolto a chi lo critica.
Coi dubbi non si va da nessuna parte, per riuscire bisogna credere in quello che si fa.

Franco Venturelli


 



Questo articolo è stato visualizzato 580 volte

 
"Fuori dal Coro" | 1 commento
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 19/05/2010


Meriti
di vieux_marcheur il 19/05/2010 11.52

Ai segnali di lode giusti e meritori, voglio aggiungerne uno straordinario: la decisione, oramai direi più che preannunciata, di creare un impianto sportivo di proprietà. Il rimpianto per la rinuncia alla Villa Rostan, se questo sarà, deve scomparire rispetto al passo in avanti verso il futuro e all'investimento persistente di questo progetto.

 





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it