Benvenuto su Genoadomani
8268549
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 48 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
dalla redazioneAttacco al presidente
30/07/2012

 

Che Gasperini fosse il parafulmine di Preziosi lo avevano capito in molti.
Per anni infatti Gasperini aveva raccolto l'isteria dell'ambiente genoano.
I risultati che otteneva erano buoni, ma l'isteria non è razionale e non tiene conto dei fatti.

Andato via Gasperini era prevedibile che questa isteria si sarebbe riversata sul presidente.
E così è stato.

 


Solo che nell'ultimo anno abbiamo assistito a:
. la contestazione di Milanetto nel ritiro estivo
. l'imposizione di allontanare Milanetto
. l'irruzione a Pegli nei confronti dei giocatori
. gli schiaffi a Dainelli
. la sospensione della partita Genoa-Siena
. la pretesa di far togliere le maglie ai giocatori in Genoa-Siena
. lo striscione Preziosi Infame
. il deferimento del Genoa per le accuse dei tifosi genoani, accuse che hanno attivato i magistrati contro il Genoa stesso.
e non so se ho ricordato tutto, tante ne hanno combinate.

In questa situazione l'aver giocato senza pubblico le ultime due partite casalinghe è stato paradossalmente un vantaggio.
La mancanza di tifosi ha infatti scongiurato possibili azioni volte a far penalizzare il Genoa, con relativa retrocessione in B e grave danno economico al presidente.

Tutto questo è servito a dimostrare che la Società non conta niente rispetto ai tifosi, i quali si ritengono i veri padroni del Genoa.
Forse Preziosi alla fine ne ha preso atto.
*
Ricordo la felicità di Preziosi la sera del bagno nella vasca di De Ferrari appena acquistato il Genoa.
Ricordo l’entusiasmo col quale faceva le sue corse sotto la Nord a fine partita.
Ricordo il gravissimo danno economico procuratogli dalla retrocessione a tavolino, e la sua determinazione nel restare alla guida del Genoa.
E non riesco a capire il rancore di chi da anni gli fa la guerra, e l’odio che mostra nei suoi confronti, riuscendo alla fine a demotivarlo completamente.

Di quali gravi colpe si è macchiato?
In A, ha sempre tenuto il Genoa tra le prime dieci squadre italiane, a parte il passo falso dell'ultimo campionato. Non è forse il piazzamento in classifica la cosa che conta di più, insieme al gioco espresso?
Non solo, ma negli ultimi anni ha vinto cinque derby su sei, e ha tenuto la Doria sotto il Genoa.
Altre gravi “colpe” non ne vedo.
Poi posso sempre sbagliare, ma questo è quello che penso.

alè GenUa!

Franco Venturelli


 



Questo articolo è stato visualizzato 771 volte

 
"Attacco al presidente" | 8 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 09/08/2012


ABBADIE
di Franci il 09/08/2012 11.25

 

condivido quasi tutte le tue affermazioni - che nessuno dica niente sul decadimento della nostra città non è poi così vero - in particolare sul fatto che Preziosi sia un imprenditore, anzi "fior di imprenditore". Che è quello che di meglio sa fare, anche perchè ci aggiunge quell'elemento fondamentale che ai genovesi che si dicon imprenditori manca completamente, e cioè la voglia di rischiare. Ben per questo che è malvisto nell'ambiente: ha dimostrato che si può fare un Genoa più che dignitoso.

Ha quasi certamente salvato il Genoa dal fallimento o comunque da una vita allo stato vegetativo all'ombra della squadra che la Genova mediocremente "imprenditoriale" vorrebbe imporre come realtà cittadina ma dovrebbe sapere, esperto com'è delle alterne fortune, che questo non sarebbe stato un lasciapassare destinato a durare per sempre e anche di fronte a situazioni pericolose. Non ha saputo cogliere dall'esperienza della cessione di Milito e Motta che, con un po' di accortezza, meno guasconate verbali, minor smania di essere sempre protagonista al tavolo della roulette del mercato estivo e, soprattutto, maggior rispetto, almeno a livello di dichiarazioni, per i tifosi, avremmo saputo imparare ad accettare quella famosa "parte sinistra" della classifica come un traguardo ambito. In certi momenti si comporta da irresponsabile: eppure, basterebbe poco. Basterebbe, ad esempio, che dicesse che la Coppa Italia è un traguardo ambito al quale puntare...Tanto un'Inter da incontrare a San Siro a noi non la negano mai e quindi può essere tranquillo di non correre il rischio - hai visto mai? - di dover alzare la Coppa, mentre ai tifosi dice "ci abbiamo provato...". Che a noi credo basterebbe.  





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it