Benvenuto su Genoadomani
8631193
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 70 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
il Grifone in campoSuperbo Napoli, orgoglioso Genoa
01/11/2015




Genoa C.F.C. . . . . . . . . 0

S.S.C. Napoli . . . . . . . . 0


Al Ferraris il Napoli, nella sua corsa di vittorie in serie, ha trovato a fermarlo un Genoa mirabile per volontà e organizzazione.

E’ per il Genoa un risultato davvero importante essere riuscito a contenere il temibilissimo attacco azzurro attraverso una difesa coordinata nelle scelte di tempo ma anche elastica, il portiere Perin in forma, un gioco non rinunciatario tale da portare a sua volta qualche preoccupazione agli avversari, infine una certa fortuna per diverse occasioni fallite dai napoletani. Ciò nonostante tre sostituzioni per infortuni, di cui 2 nel primo tempo!

Una prestazione che conferma il senso di fiducia e di solidarietà di noi tifosi verso la squadra.

Soltanto gli striscionisti della gradinata Nord ancora si lagnano, ma con Rispetto.



Giornata soleggiata.

Le squadre si presentato con le divise tradizionali: il Napoli schiera 11 stranieri, il Genoa 11 bianchi. Hamsik vince il campo. Genoa batte il calcio d’inizio guardando verso Sud ma, meraviglie del calcio moderno, entro pochissimi secondi Perin è chiamato a respingere la palla.

3’: Perin para in corner un tiro di Higuain.
5’: Un difensore devia in corner un tiro di Callejon.
12’: il Napoli batte corner per la quarta volta.

Dopo un tale inizio, si ha una fase più equilibrata, ma:
24’: pericoloso contropiede del Napoli forse con un fuori gioco non visto dal guardalinee Paganessi, quello sotto i distinti, che, mi sembra, non l’ha azzeccate tutte;
27’: travolgente azione del Napoli con la palla che sfugge di poco sottoporta a Higuain;
Rincon, restato a terra, deve essere sostituito da Cissokò.

29’: Burdisso trattiene Higuain sottoporta su centro dalla sinistra del Napoli, Higuain protesta anche a gesti verso l’arbitro Doveri, che sorvola sul fallo e sulla protesta. Un episodio importante!

32’: Perin si salva in uscita su Mertens, con rimpallo che esce.

Passata questa seconda fase critica, il Genoa reagisce con un’ottima azione al 36’ (Perotti e cross) e il tempo si chiude in equlibrio. Vediamo che nelle punizioni che stanno per essere battute a favore, il Napoli dispone 3 attaccanti in apparente fuorigioco, che subito rientrano: una tattica che è entrata in uso, ma la difesa del Genoa non ne è rimasta sconcertata. Al 40’ è il nostro Figueiras che segnala a gesti all’arbitro il fallo subìto.

Durante l’intervallo ci domandiamo: resisteremo?

La ripresa comincia subito (3’) con la segnatura del Napoli, ma è fuorigioco.
4’: tiro alto di Higuain.
5’: perché Doveri non ammonisce quello lì colla maglia azzurra? Ostacola di proposito la ripresa del gioco.
8’: ancora bravo Perin.
10’: il Genoa batte il suo primo corner. Resterà l’unico.
Si rafforza il controllo della partita da parte del Genoa. Il gioco si fa alterno. Le diverse azioni del Napoli trovano puntuali anticipi e blocchi dei nostri difensori.
Al 30’ l’unica parata di Reina, effettuata con disinvoltura su tiro alto di Figueiras.
32’: bravo Perin su Higuain, liberato da un delizioso appoggio di Insigne, subentrato a rinvigorire la fantasia dell’attacco azzurro. Era stato lanciato nell’agone anche Gabbiadini, il quale, salutato chissà perché dai fischi dei genoani, è riuscito a ciccare un promettente pallone e poi a prendersi una ben meritata ammonizione per un fallo a palla perduta.
37’: questa ammonizione a un giocatore del Genoa (Ntcham) non mi convince.
41’: Higuain ruba il tempo a … Insigne!, e in due sbagliano davanti alla porta.
44’: il colloquio di protesta a gesti questa volta avviene tra Gasperini e Doveri, il quale non ha visto il fallo del napoletano che ha preceduto quello del genoano.
Ultimi minuti di tensione e la partita finisce.

I rossoblu festeggiano sotto la Nord. I tifosi cantano.

Il Napoli non ha brillato nel tiro in porta che sembrava essere il suo forte, ma anche per merito della nostra difesa, che in qualche occasione peraltro si è salvata per caso.
L’attacco del Genoa ha combinato poco; ha brillato Perotti che però ha concluso le sue belle azioni soltanto con centri poco fortunati. Pavoletti ha combattuto molto ma è stato quasi sempre bloccato. Tutti gli attaccanto hanno avuto però l’essenziale merito di partecipare al gioco di difesa: una difesa orientata all’anticipo e alla pressione sugli avversari portata anche dai nostri attaccanti.

L’arbitro Doveri, a parte i suoi limiti, ha tollerato in qualche caso comportamenti ostruzionistici applicati scientificamente dai napoletani.



Vittorio Riccadonna



Genoa:

Perin, Ansaldi, Burdisso (cap.), Munoz (34' I t. Izzo), Figueiras, Dzemaili (45' I t. Ntcham), Costa, Laxalt, Rincon (27 II t. Cissokho), Perotti, Pavoletti.
Napoli:
Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Allan (37' II t. D.Lopez), Jorginho, Hamsik (cap.), Callejon (22' II t. Gabbiadini), Mertens (11' II t. Insigne), Higuain.
Arbitro: D.Doveri da Roma
Note: ammoniti: Izzo, Ntcham, Gabbiadini, Costa, Lopez.



Questo articolo è stato visualizzato 515 volte

 
"Superbo Napoli, orgoglioso Genoa" | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno //




Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it