Benvenuto su Genoadomani
8265803
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 57 visitatori e 1 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
il Grifone in campoGenoa alla pari con la viola, terza forza del campionato
31/01/2016

Genoa CFC               0

ACF Fiorentina         0

In clima ambientale ritornato sereno, con gli striscioni giusti e quant'altro, il Genoa di Gasperini offre una prestazione notevole per qualità e quantità e merita largamente il pareggio (palo di Suso, due soli contro il portiere viola e non solo, ricordo anche Laxalt, nel primo tempo, ecc.) conquistando il quarto risultato utile consecutivo. Perotti saluta il Genoa con una bella partita, d'impegno e concentrato, pur sapendo d'aver già staccato il biglietto aereo per la capitale. Grande professionalità e correttezza e sincero affetto per il Genoa tutto, Società, allenatore, compagni di squadra e tifosi. Grazie Diego sei rimasto poco, ma ci hai dato tanto. Buena suerte! Un ricordo anche per Pippo Spagnolo che avrà sicuramente dato una mano dal terzo anello.

 

Genoa-Fiorentina

 


Gran bella partita quella odierna al Ferraris dove un Genoa finalmente al completo gioca almeno alla pari con la terza forza del campionato.

Nessuna esaltazione fuori dalle righe, ma neppure spazio per i non pochi catastrofismi che ogni tanto fanno capolino nei più insicuri ed ansiosi, finalmente quietate un po, dai.

Credo che il mercato non dovrebbe riservare molte altre sorprese, forse De Maio via e qualcuno (Moras) a sostituirlo, ma immagino che adesso i giochi principali siano fatti.

Come auspicato dopo i tempi dell'ira sembrano arrivati quelli della ragione, sempre non sia la classica rondine, bisogna dare atto di un grande senso di responsabilità da parte di tutti, ULTRAS compresi.

Sono arrivato all'ultimo e mi hanno raccontato che c'è stato, da parte dei suoi figgeu, un momento di ricordo per Pippo Spagnolo, con tanto di striscione in Gradinata, bello, doveroso ed opportuno, tempo questa volta speso davvero bene.

Complimenti!

Un po' di cronaca.

Pari con non pochi rimpianti per entrambe, le due formazioni hanno dato vita ad una partita ad altissimi ritmi e densa di emozioni, bugiardo il risultato finale dello 0-0.
 
Genoa subito in pressing e Fiorentina in difficoltà la Fiorentina, magari mai in affanno però subisce più che imporre il suo gioco, a tratti pare anche timorosa.
 
Certo che appena riesce a ragionare la squadra viola diviene pericolosa, prima con un cross di Zarate che non trova la deviazione giusta sulla linea di porta, poi con uno scatto in profondità di Babacar, stoppato proprio al momento della conclusione da Munoz che cresce di partita in partita, per lui quante critiche sprecate, bastava un minimo di pazienza in più.
 
 
La spinta del Genoa, comunque, riesce a creare varchi anche nella viola: il Pavo manda alto di testa, su cross di Ansaldi, poi impegna Tatarusanu su assist di Perotti.
 
Laxalt in ritardo solo davanti al portiere.
 
 
Laxalt contro Roncaglia. Getty Images
 
La Fiorentina sembra traballare e cedere in avvio di secondo tempo: Suso, al 5', colpisce il palo con un tiro di sinistro dal limite, poi, un minuto dopo, libera Perotti in area, tocco di petto dell'argentino per Pavoletti, stoppato però dall'uscita di Tatarusanu.
 
Occasione enorme, qualcuno in Tribuna osserva: se l'errore fosse stato di Pandev?
 
Apriti cielo, qui si sorvola, anche se lì, probabilmente, si poteva chiudere la partita.
 
Sousa fiuta il pericolo e prova a rimescolare le carte mandando in campo Kalinic e Tino Costa e il momento peggiore pare superato, anche e soprattutto perchè il Genoa un po' stanco comincia ad abbassare i ritmi.
 
Su cross di Bernardeschi, Babacar conclude bene ma Ansaldi respinge sulla linea.
 
La sfida resta accesa, ma nessuno trova il guizzo giusto, neppure Capel che manca la deviazione da pochi passi in pieno recupero su cross di Cerci.
 
Perin mette i sigilli a questo importante pari fermando in tuffo una pericolosissima conclusione di Alonso entrato da poco.
 
Al 40' incredibile espulsione di Paulo Sousa: tocca il pallone quando ancora non è uscito dalla linea laterale, poveraccio voleva essere gentile con Izzo (visto alla fine colloquiare con qualcuno di loro, solo saluti, huè non facciamo scherzi ?!?).
 
Qualche lamentela per l'arbitro che non estrae il secondo giallo ad un loro giocatore già ammonito, poi fa finta di niente quando un'altro viola, piuttosto stizzito, allontana via la palla alla De Maio.
 
Un po di nostro vittimismo, certo, anche se pare giusto riconoscere che ha graziato anche Pavoletti che, già ammonito, credo per aver provato a far di mano un gol alla Maradona, ha avuto uno scambio di occhiatacce con un avversario; perdonato o, probabilmente, non sono state giudicate occhiate "intimidatorie" ne quella dell'altro ne la sua, Perotti con lo scazzo, forse, finisce per sembrare cattivo, lui, invece, sorride sempre...
 
Ciao Perotti ci mancherai.

Dall’aeroporto Colombo, intorno alle 18, Perotti ha salutato così i tifosi: «Dispiace andare via, ma per me è una grande opportunità. Mi spiace andare via cosi, ai tifosi do un abbraccio grandissimo, mi hanno dato tanto sin dal primo momento, ma vado in una grande squadra che gioca la Champions».

La cessione, a titolo definitivo, è un’operazione da 12 milioni di euro, di cui il 20% è destinato al Siviglia, discreta plusvalenza, speriamo non ne siano necessarie molte ancora.

Ora tour de force, mercoledi Juve e sabato Lazio.
 
La legge dello sport impone di dare il massimo sempre, la logica, magari, consiglierebbe un minimo di realismo all'Olimpico, poi magari esce la sorpresa come per lo "smobilitante" Verona con il toro, più o meno sempre da quelle parti...
 
Alè!
 
Giancarlo Rabacchi
 
Il tabellino.
Perin, Munoz, Burdisso, Izzo, Ansaldi, Rincon, Dzemaili, Laxalt, Suso (19' st Capel), Perotti (19' st Cerci), Pavoletti (46' st De Maio) [Lamanna, Donnarumma, Marchese, Ntcham, Pandev, Lazovic, Rigoni, Tachtsidis] All. Gasperini
Tatarusanu, Roncaglia, Rodriguez, Astori, Bernardeschi, Borja Valero, Vecino, Pasqual (32' st Alonso), Ilicic (10' st Tino Costa), Babacar, Zarate (10' st Kalinic) [Lezzerini, Sepe, Gilberto, Tomovic, Fernandez, Blaszczykowski, Verdù, Tello] All. Sousa
Arbitro: Giacomelli di Trieste  Corner: 7-6 - Recupero: 0' e 5' - Spett: 20.000.



Questo articolo è stato visualizzato 477 volte

 
"Genoa alla pari con la viola, terza forza del campionato" | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno //




Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it