Benvenuto su Genoadomani
8269441
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 45 visitatori e 0 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
il Grifone in campoAtalanta ci brucia il 10° posto (?)
16/05/2016



GENOA C.F.C. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
(13’ II t. Pavoletti)

ATALANTA BERGAMASCA C. . . . . . . 2
(7’ II t. D’Alessandro; 37’ Kurtic)



Con amara e sorprendente sconfitta si conclude questo campionato: ci ha dato gioie e dolori, a fasi alterne e mutevoli quanto rare altre volte, e ci lascia con la delusione oramai inaspettata di non poter finire nella prima metà della classifica, se, come sembra ma non è scritto, la parità con Empoli viene risolta con i medesimi criteri usati per le retrocessioni invece che per differenza gol – retrocessioni che ci consola poter osservare dall’alto e da lontano, ed ecco qui il motivo di soddisfazione per noi vecchi genoani, a tante e dolorose vicende rotti.


Giornata gradevolmente soleggiata, ancora chiara alle ore 18 di inizio. Genoa in tenuta tradizionale, Atalanta in ololeuco. Brivio vince il campo e si schiera contro Nord. Affettuoso saluto di Gasperini a Masiello.

In fase iniziale, Genoa manovra con nitidezza, opera diversi buoni attacchi, forse con uno stile piuttosto accademico che aggressivo. Passata una dozzina di minuti, vediamo i bianchi cominciare a prevalere e la manovra di metà campo si sposta verso la porta di Lamanna. Cosa c’è che non va? Rilassati sulla scia del derby vinto? Illusi da quella vittoria troppo facile? Questa Atalanta si batte bene, non è arrendevole.

Nel calcio a volte accade una cosa strana: la squadra che si difende ha maggior probabilità di segnare di quella che attacca. Il Genoa segna due porte annullate (10’ e 23’) con qualche perplessità degli spettatori, e Laxalt al 38’ calcia a lato da tre metri di fianco alla porta.

Nella ripresa è del Genoa la prevalenza territoriale e in contropiede segna l’Atalanta, appena dopo la sostituzione di Džemaili. Non so se ricordate una delle massime di Scoglio: ogni sostituzione può pretendere un momento di assestamento. Rabbiosa reazione e Pavoletti ancora una volta si fa falco. Raggiunto il pareggio non si accontenta il Grifone, cerca la vittoria, spinge, sbaglia ancora un paio di ottime occasioni, tra cui al importante al 24’ un colpo di testa di Muñoz che presso il paletto avversario fa battere la palla a terra e rimbalzare alta, ma intanto l’Atalanta non cessa di essere pericolosa in contropiede (al 12’ un ottimo tiro dell’esordiente Gagliardini sfiora l’incrocio, un calcio di punizione di Borriello al 17’ viene valorosamente schermato sulla traversa da Lamanna, al 20’ un gol viene annullato anche a loro) finché implacabile come il destino a pochi minuti dalla fine va in porta.

Ancora una buona occasione al 45’ l’ha Izzo, e l’ultima arriva al 49’ sulla testa di Pandev ma quasi a contatto col portiere, che inevitabilmente alzando le braccia la blocca.

Episodi: molti. Il caso: ha influito. Il pareggio era alla nostra portata. Arbitraggio non infame ma si fa discutere. Ultimamente si era visto un Genoa migliore.



Vittorio Riccadonna



GENOA : Lamanna; Muñoz, Burdisso (cap.), Izzo; Ansaldi, Rigoni (9’ II t. Pandev), Rincón, Džemaili (7’ II t. Tachtsidis), Laxalt; Suso (30’ II t. Da Silva), Pavoletti.
ATALANTA : Radunovic; Conti, Masiello, Djimsiti, Brivio (cap.); Gagliardini (37’ II t. Cigarini), De Roon, Freuler (33’ II t. Monachello); D’Alessandro (29’ II t. Kurtic) Borriello, Gomez.
ARBITRO : G.Aureliano da Bologna.
AMMONITI : Laxalt, Izzo, Rincon, Masiello, D'Alessandro, Brivio.
CALCI D’ANGOLO : 7-5.



Questo articolo è stato visualizzato 542 volte

 
"Atalanta ci brucia il 10° posto (?)" | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno //




Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it