Benvenuto su Genoadomani
8045426
visitatori
(sito attivo dal
31 Agosto 2004)

In questo momento ci sono 66 visitatori e 1 utenti registrati
Totale utenti registrati: 760
· ritorno al futuro
· la redazione
· torna alla homepage
· cerca nel sito:
dalla redazioneAssemblea dei Soci del Genoa Cricket and Football Club
30/11/2021


Si è tenuta, addì 29 novembre alle ore 15, l'Assemblea dei Soci del Genoa per eleggere il nuovo CDA.
Della Società erano presenti i signori: Zangrillo, Blazquez, Zarbano, Blondet, Bindella (presidente del Collegio Sindacale), Cattanei (notaio).


1. Si inizia con la relazione del notaio Cattanei che esamina i punti all'ordine del giorno:
a. Presa d'atto delle dimissioni del CDA
b. Nomina del nuovo organo amministrativo
Riferisce delle dimissioni che sono state presentate dal Presidente Preziosi e dal Consiglio di Amministrazione dopo il passaggio delle azioni avvenuto il 15 novembre. Non mi soffermo su questa parte essenzialmente tecnica.
Il nuovo CDA composto da:
Alberto Zangrillo
Enrico Preziosi
Alessandro Zarbano
Juan Arciniegas
Andres Blazquez
Joshua Wander
Steven Pasko
e' stato approvato all'unanimita'.

2. Mario Epifani, dei soci piccoli azionisti:
* da' il benvenuto al presidente Zangrillo e a Blazquez.
* Poi ricorda Pippo Spagnolo, l’ideatore dell'Azionariato Popolare.
* Evidenzia l'importanza dell'Azionariato Popolare che era arrivato ad avere tre suoi esponenti nel Consiglio del Genoa, caso unico in Italia.
* Rievoca la sua personale e antica amicizia col presidente Zangrillo, quando andavano insieme a tifare Genoa.
* Sottolinea con forza il legame affettivo che lega i genoani al Genoa, e chiede che al centro della gestione siano posti i valori della genoanità.
* Chiede che vengano studiati mini-abbonamenti per il resto del campionato.
* Chiede che la Società agevoli l'esposizione di una grande bandiera rossoblu ad una finestra del palazzo di piazza De Ferrari, luogo storico della genoanita', dove ebbe sede il Genoa dagli anni '30 agli anni '60, e dove per tutto il '900 si incontrarono i genoani.
* Chiede che la Società provveda all' affissione di una targa in memoria, nel vano di ingresso del palazzo di via Palestro dove fu siglata la nascita del Genoa.

3. Vittorio Riccadonna chiede che la Società provveda ad esporre permanentemente a Torino, nel luogo da noi identificato dove si verifico' l'avvenimento, uno stendardo coi simboli delle quattro squadre che giocarono il primo campionato nel 1898.

4. Il presidente Zangrillo si impegna su queste richieste.

5. L'ingegner Blazquez ringrazia per la fiducia e l'entusiasmo espresso da tutti i presenti.

6. Zangrillo si augura che l'attività della nuova Società porti nuovi soci piccoli azionisti tra i giovani genoani.

7. Zangrillo elogia Blondet per l'attività svolta nel Genoa e afferma che continuerà a restare nella Societa'.

La riunione viene dichiarata chiusa.
Entrano i giornalisti.

Un socio p.a. chiede lumi sull'inchiesta relativa alle plusvalenze.
Blazquez risponde che al momento non si può dire niente.

Un socio p.a. chiede notizie circa il DS.
Blazquez risponde che non e' stata ancora presa una decisione.
Poi aggiunge una considerazione molto interessante circa il modo di pensare dei nuovi gestori del Genoa, dicendo che la loro filosofia non consiste tanto nel puntare sul "singolo", quanto sul "gruppo".

Mia riflessione. Siamo sempre stati abituati a presidenti che si affidavano al loro intuito personale (a parte Scerni che aveva una diversa e superiore cultura aziendale).
I cosiddetti "americani" sono completamente diversi, prendono le decisioni in base agli "algoritmi" e puntano sul "lavoro di gruppo" (che peraltro e' in uso presso le grandi aziende dagli anni '30 del secolo scorso).

FORZA GENUA !!!!


Franco Venturelli



Questo articolo è stato visualizzato 181 volte

 
"Assemblea dei Soci del Genoa Cricket and Football Club" | 1 commento
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Stai visualizzando i commenti del giorno 01/12/2021


Grazie Franco
di RABAX il 01/12/2021 14.56

Per la Tua bella relazione sulla recente Assemblea del Genoa che ha ufficializzato la nomina del nuovo Consiglio.
Compito che in passato ho avuto modo di svolgere non di rado.
Purtroppo, e con mio grande rammarico, questa volta non ho potuto essere presente per impegni inderogabili.
Avrei davvero voluto esserci per dimostrare tutto il mio entusiasmo per questa "rivoluzione" dei 777 che inizia sotto buoni auspici e con il consenso ed il sostegno del popolo rossoblù.
Leggo con piacere dell'importante intervento di Mario Epifani che ha passato in rassegna, dall'inizio, la vicenda dell'azionariato popolare, ricordando le figure storiche da protagonisti che da questo punto di vista sono stati Pippo Spagnolo, Milena Epifani e Peo Campodonico.
Sempre da parte di Mario, in particolare ad uso dei nuovi proprietari, è stata data una ennesima dimostrazione di cosa sia e del profondo significato della Genoanità.
Una passione, di più una vera e propria fede, che trae origine dei fasti del passato, fasti che ora, finalmente, si può sperare, chissà, di poter rivivere.
Una speranza che non ignora la consapevolezza che se non si tratterà di un mezzo miracolo, poco ci mancherà, ma che, come si suol dire, volere è anche potere.
Perché porre limiti alla provvidenza (come si dice a Genova questi u ne là mandè u Segnù), anche viste le buone intenzioni manifestate dai nuovi azionisti di riferimento?
Ci si può contare, anche perché una delle prerogative già manifestate dal nuovo Gruppo Dirigente è quella di gestire la Società nel modo più manageriale e professionale possibile, avvalendosi delle migliori professionalità disponibili, altresì affidandosi al lavoro di gruppo.
Non so, se come ricorda Franco, si tratti di un ritorno alle gestioni societarie degli anni 30, certamente non ho rimpianti per il metodo di gestione basato "sull'intuizione personale", come abbastanza benevolmente :--) l'ha definita lo stesso Franco.
Discorsi questi tra di noi, che non mi sarei certo permesso di andare a fare ai 777, che si stanno dimostrando tosti e, soprattutto, preparati, mi sarei, invece, sicuramente unito al coro generale di benvenuto e di buon lavoro.
Forza Genoa, sempre.
PS. Mi risulta anche che i nuovi dirigenti non si siano sbilanciati più di tanto sulle loro prossime molto attese mosse. Parlo di Direttore sportivo e rinforzi per la squadra. Atteggiamento da cui traggo modo di rivolgere loro un altro bel complimento, vale a dire che ci troviamo di frante a persone serie che preferiscono informare e dire solo a cose fatte. Evvai.





Per informazioni potete contattare l'indirizzo e-mail admin@genoadomani.it